Gnocchetti di farina di lino in burro ghee, salvia e spinaci

Recentemente abbiamo ideato questa ricetta per andare incontro alla voglia di farci un piatto di pasta paleo-friendly (e anche ideale per una paleo-chetogenica). Tuttavia, oltre ai ben noti spaghetti di zucchine è difficile, con le farine a nostra disposizione, ricreare una pasta più tradizionale (se non per la farina di castagne che si adatta bene a fare degli gnocchi). In realtà, abbiamo trovato online dei rivenditori di pasta di sola farina di lino e farina di arrowroot (Maranta)… cosi ci siamo detti: “perché non farla noi a casa?”.

Il problema a questo punto erano trovare le dosi adatte… ma solo provando si impara! Per il momento siamo riusciti a comporre l’impasto come dei piccoli gnocchetti sardi ma con un po’ di pratica non escludo si possano anche realizzare dei malfatti o delle tagliatelle. Ecco il risultato finale che, anche in termini di gusto, ci ha lasciato esterrefatti: sembrava proprio di mangiare dei pizzoccheri valtellinesi! Tutto questo senza usare alcuna farina da cereali ma bensì la ben più salutare farina derivata dalla sminuzzatura dei semi di lino.

Inoltre i semi di lino sono un alimento estremamente sano e utile nella nostra alimentazione, l’importante è che vengano sempre macinati per ottenere questi benefici:

  1. Basso indice glicemico (la quota di carboidrati è bassa in favore di grassi salutari per il nostro organismo)
  2. Buon rapporto tra acidi grassi Omega 3 e 6, in favore dei primi. Nonostante l’assimilazione da parte del nostro organismo, nei confronti dei semi non sia così elevata come ci fanno credere (è più facile assumere Omega 3 da pesce azzurro o da uova biologiche allevate con semi di lino)
  3. Le fibre in essi presenti sono in grado di svolgere un ruolo di “spazzini” del nostro intestino. Ma proprio per questo attenti a non esagerare con le dosi o vi ritroverete spesso a correre in bagno…
  4. hanno una buona dose di sali minerali (magnesio e fosforo), vitamine (soprattutto del gruppo B e vitamina E) e proteine.
  5. Secondo alcune ricerche sono anche degli antitumorali naturali poiché pare possano ridurre il rischio di sviluppare alcune forme di cancro al seno, alla prostata e al colon, grazie alla componente di Lignani (fitoestrogeni dalle proprietà protettive di fegato, pelle, cuore e sistema immunitario). Fonte: https://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/olio-lino.html

Prima di passare alla ricetta vanno considerate alcune controindicazioni legate all’assunzione regolare dei semi di lino: consiglierei in casi particolari in concomitanza di assunzione di farmaci, gravidanza o problemi intestinali (es.: colon irritabile, diverticoli), di contattare il proprio medico curante.

Ingredienti per 2 persone:

Per l’impasto:

90gr. di farina di lino
20 gr. di farina di arrowroot
1 uovo
90gr. di albume (o 1 altro uovo)
1 cucchiaino di sale

Per il condimento:

20 gr. di burro chiarificato (ghee), meglio se grassfed
un rametto di salvia fresca
150 gr. di spinaci
a piacere una spolverata di noce moscata

Preparazione:

In una ciotola versare gli ingredienti e mescolare bene. Nel caso l’impasto sia ancora troppo asciutto aggiungere acqua in piccole dosi fino a raggiungere un impasto consistente e leggermente gommoso.

A questo punto lasciate riposare l’impasto almeno 30min per far sì che le farine assorbano bene l’umidita. Quindi, impastate manualmente i piccoli gnocchetti facendo una piccola pallina e creare un solco con il bordo di una forchetta.

Fate bollire l’acqua con del sale grosso (l’acqua deve essere salata come quella del mare!) e immergete i vostri gnocchetti per 5-8 min. max girandoli regolarmente per non farli attaccare.

Per il condimento noi abbiamo scelto qualcosa di estremamente semplice e dal risultato garantito: gli gnocchetti avranno già un sapore molto intenso e rustico che è inutile (oltre che un peccato) coprire con sughi dal sapore troppo forte. Per questo abbiamo optato per del burro (usiamo solo il chiarificato/ghee) saltato con salvia fresca e spinaci.

Il risultato ottenuto come dicevamo ci ha ricordato moltissimo i pizzoccheri valtellinesi senza tuttavia appesantirci troppo.

Valori nutrizionali per 1 porzione:

Calorie: 486 Kcal.
Carboidrati: 12 gr.
Grassi: 30 gr.
Proteine: 23 gr.
Fibre: 13,5

Tempo di preparazione:

1 ora (compresa la preparazione della pasta).



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.